Costituzione Società ceche

Costituzione Società ceche: Vi diamo tutta l’assistenza per la costituzione di una s.r.l. in Repubblica Ceca (s.r.o.) dall’atto costitutivo dal notaio alla iscrizione al Tribunale. Molte tabelle merceologiche in Repubblica Ceca sono libere e non hanno bisogno di preposto. Per questo motivo, ne vengono attivate un numero che copra un range molto ampio di possibili attività future

Il costo per la costituzione di una s.r.o. in Repubblica Ceca è di 1100,00 € più il costo della sede virtuale di circa 10,00 € al mese.  Diventare pagatori iva in Cechia non è automatico con l’apertura della partita IVA.

Traduzioni giurate, atto pubblico davanti il notaio e tutto il resto è carico nostro.

Offriamo servizi professionali per la costituzione di società in Repubblica Ceca. Vi diamo  tutto l’affiancamento necessario in fase di Startup, consulenze qualificate, ed una formula “chiavi in mano” chiara e trasparente! Grazie il nostro aiuto potrete de localizzare la vostra azienda in Repubblica Ceca. I nostri preventivi chiari vi permettono di potervi muovere con sicurezza.

Le s.r.l. ceche diventano subito soggette IVA ma non sono immediatamente pagatori IVA. lo diventano dopo aver presentato un business plan di gestione che giustifichi il motivo per cui si vuole una s.r.o. Approfondimenti e costi li trovate sul sito www.societaceche.com

Il nostro supporto parte dalla assemblea davanti al notaio fino alla omologazione della società. La nostra infrastruttura di professionisti ci permette di fare il tutto a prezzi molto modici ed in tempi brevissimi.

Eventuali società costituite all’estero vanno poi indicate nel quadro RW del modello Unico.

“gli investimenti all’estero e le attività estere di natura finanziaria attraverso cui possono essere conseguiti redditi di fonte estera imponibili in Italia, detenuti al termine del periodo di imposta se l’ammontare complessivo di tali investimenti ed attività, al termine del periodo di imposta, risulta superiore a euro 12.500,00. Quest’obbligo sussiste anche se nel corso dell’anno non siano intervenute movimentazioni.
Agli effetti degli obblighi di dichiarazione, si considerano come di fonte estera i redditi corrisposti da soggetti non residenti, nonchè i redditi derivanti da beni che si trovano al di fuori del territorio dello Stato. Si considerano, in ogni caso, di fonte estera i redditi soggetti alla ritenuta del 12,50 o del 27 per cento ai sensi dell’art. 26, commi 3 e 3-bis, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 (interessi ed altri proventi dei depositi e conti correnti bancari costituiti all’estero, proventi derivanti da riporti e pronti contro termine con controparti non residenti).
Si considerano, altresÌ, di fonte estera gli interessi ed altri proventi delle obbligazioni e titoli similari esteri, compresi quelli di cui all’art. 31 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 601 emessi all’estero, soggetti all’imposta sostitutiva del 12,50 o del 27 per cento ai sensi dell’art. 2, commi 1-bis e 1-ter, del D.Lgs. n. 239 del 1996.
Sono, inoltre, da considerare di fonte estera i redditi soggetti alle disposizioni dell’art. 18 del TUIR;”

Open chat